IMPERMANENCE – mostra sull’impermanenza

15.02.2018 | Notizie

La mostra è visitabile dall’11 dicembre 2017 al 27 gennaio 2018, dal lunedì alla domenica, dalle 11.00 alle 19.00, presso la B#S Gallery (Vicolo Isola di Mezzo 3/5, 31100, Treviso). Ingresso gratuito, visite guidate sempre disponibili in loco.

GIORNATE DI CHIUSURA PER LE FESTIVITA’ NATALIZIE: Da domenica 24 dicembre 2017 a lunedì 1 gennaio 2018.                                                                                                                                                               

Info e prenotazioni: info@iodeposito.org / +39 375 5532009         

Impermanence è il primo dei tre appuntamenti del ciclo espositivo Vanitas. La mostra accompagna il visitatore attraverso una narrazione dedicata ai concetti di memoria –anche legata ad esperienze di guerra– e di perdita identitaria: le opere mettono a nudo l’impermanenza dell’essere umano, facendo riferimento ad elementi iconografici quali la polvere, il gesto della cancellazione e il lento dilavarsi dei contorni e delle figure.
Nel tentativo di catturare l’inesorabile fluire del tempo, le opere traducono sentimenti universali validi nell’antichità come oggi, rappresentando la fugacità della vita, e suggerendo la memoria personale e familiare come forza-antidoto alla cancellazione.

In mostra, opere di: Claudio Beorchia, Mario Loprete, Sylvia Griffin, Silvia Cavallari, Lorenzo Bordonaro, Coral Woodbury, Stelios Maganis, Anne O’Callaghan, Carola Minincleri.

concreteConcrete_by Mario Lo Prete
BrokenSpineII1600Bronek Spine II_by Coral Woodbury
BrokenSpineIV1600Barrè_by Coral Woodbury
Barre1600Broken Spine IV_by Coral Woodbury
1-Stelios_Manganis-Art_Is_Just_My_PastimeArt Is Just My Past Time_by Stelios Maganins
2-Stelios_Manganis-Art_Is_Just_My_PastimeArt Is Just My Past Time_By Stelios Manganis
02Impermanence_by Lorenzo Bordonaro
aImpermanence_by Lorenzo Bordonaro
cImpermanence_by Lorenzo Bordonaro
NoNoNo-1No, No, No_by Sylvia Griffin
NoNoNo-4-1024x640No, No, No_by Sylvia Griffin
CLAUDIO-BEORCHIA_fogli-caduti_2Fogli Caduti_by Claudio Beorchia
imagesFogli Caduti_by Claudio Beorchia
DSC_0069Fogli Caduti_by Claudio Beorchia
Manca Bajec Venezia 2

Beorchia e Bordonaro2
Beorchia e Bordonaro3
Bordonaro1
Bordonaro2
Bordonaro3
Cavallari1
Cavallari2
Cavallari3
DSC03586
DSC03588
DSC03589
DSC03591
DSC03592
DSC03594
DSC03596
DSC03603
DSC03605
DSC03612
DSC03613
DSC03616
DSC03623
DSC03626
DSC03632
DSC03633
DSC03638
DSC03643
DSC03647
DSC03649
DSC03651
DSC03653
DSC03654
DSC03657
DSC03664
DSC03668
DSC03671
DSC03674
DSC03677
DSC03681
DSC03685
DSC03686
DSC03687
DSC03689
DSC03693
DSC03697
DSC03700
DSC03703
Griffin3
Loprete e Woodbury
Loprete1
Loprete2
Loprete3
Manganis1
Manganis2
Minincleri1
Minincleri2
Minincleri3
Minincleri4
O'Callaghan2
Talk1
Talk2
Talk3
Talk4
Talk7
Talk8
Talk9
Talk10
Talk11
Talk11
Talk12
Talk13
Talk14
Manca Bajec Venezia 2

Il ciclo di mostre Vanitas
“Vanitas vanitatum et omnia vanitas”: La fragilità e la caducità dell’essere umano -storicamente oggetto iconografico in tempo di guerra- hanno trovato espressione anticamente nel Memento Mori romano, e poi nella simbologia della Vanitas del XVII secolo, alle porte della sanguinosa guerra dei trent’anni.

“Memento Mori” è una frase latina che ha origine da una particolare tradizione tipica della Roma antica: quando un generale, dopo un trionfo militare, sfilando per le strade raccogliendo gli onori dalla folla, era in pericolo di essere sopraffatto dall’orgoglio e da aneliti di grandezza, qualcuno veniva investito del compito di ripetere continuamente alle sue spalle la frase: “Guarda dietro di te Ricordati che sei un uomo”.
Questo rituale è stato inventato dagli antichi probabilmente per evitare il distacco dall’empatia e dal sentimento di umanità da parte delle persone potenti (decisori e condottieri) in un momento di guerra. È questo un modo antico per ricordare una necessità universale, che ci affligge anche in relazione ai conflitti contemporanei: la necessità di mantenere gli individui a contatto con le loro emozioni, impedendo l’oggettivazione degli altri esseri umani, che è invece una distorsione percettiva comune in guerra. Invece, “vanitas vanitatum”, espressione latina tratta dalla Bibbia, deriva da vanus, letteralmente “vuoto”, “transitorio” e, nella pittura, ha dato vita ad un’iconografia specifica per la rappresentazione del senso effimero della vita, ricorrente in nature morte, caratterizzata dalla presenza di oggetti e indicatori simbolici che alludono alla precarietà dell’esistenza e all’inesorabilità del trascorrere del tempo (teschi, orologi fermati, candele spente). Alla base di questo concetto, l’idea di transitorietà e caducità, che si concentra sulla natura effimera della vita. In una parola: l’impermanenza (l’impermanenza è infatti, secondo le filosofie orientali, “caratteristica di tutto ciò che vive”).
Si tratta di un’iconografia che nel corso del XVII secolo si è dedicata anche alla rappresentazione della fragilità, come metafora della vita.
L’origine e la diffusione dell’iconografia della Vanitas incorpora una nuova chiave (non esplicita né truculenta) nel rappresentare l’orrore della guerra che, non a caso, si è sviluppato con caratteri spirituali e simbolici quando l’Europa, afflitta dalla carestia, dalla guerra dei Trent’anni, dalla catastrofe mondiale che ha seguito la scoperta delle Americhe e dallo scisma religioso, ha sentito per la prima volta, in modo tragico, la non coincidenza tra ideologia (motivi religiosi che giustificavano il conflitto) e la realtà (la tragedia della guerra).

Nel contemporaneo, momento di transizione non privo di violenza, la rappresentazione della fragilità della vita umana restituisce nuovi significati grazie alle opere di artisti internazionali: opere pittoriche, video e installative che si rifanno ad un immaginario fortemente ancorato nella memoria collettiva, esplorando simboli antichi in chiave attuale.
Con materiali di volta in volta impalpabili o pesanti, con linguaggi tangibili o concreti, gli artisti invitando ad una riflessione suggestiva e simbolica sui concetti di memoria e di ricostruzione identitaria. Ne emergono rappresentazioni capaci di parlare di un’esperienza universale, comune a tutti gli uomini e percepita con forza in tempi difficili: la caducità della vita.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi