EMBODIED MEMORY La memoria della guerra attraverso la materia – MOSTRA @VILLA MANIN

25.01.2017 | Notizie

Vernissage: sabato  01  aprile  alle  ore  18:00  /  Villa Manin di Passariano – per l’occasione visita guidata con gli artisti

La  mostra  è  fruibile  nell’Esedra di Levante,  Piazza  Manin  10,  Codroipo  (UD), dal primo aprile al primo maggio 2017,  gratuitamente, dal  martedì  alla  domenica,  dalle  10.00  alle  19.00

 

Embodied Memory è una mostra che riunisce artisti internazionali in una riflessione congiunta e sfaccettata sulla memoria collettiva, a partire dai corpi e dalle forme in cui essa si incarna. La prospettiva si focalizza sulla memoria del conflitto e soprattutto sull’esperienza umana del primo conflitto mondiale (ricercandone i retaggi nei successivi conflitti del ‘900, la cui esperienza, potente nella sua tragicità, non è ancora stata del tutto indagata).

La mostra vuole rappresentare idealmente il processo di smaterializzazione della memoria attraverso tre principali raggruppamenti concettuali.
All’interno del primo spazio tematico della mostra, la memoria emerge come riposta negli elementi naturali, i primi e più permeanti corpi della memoria (il suolo, la cenere e il paesaggio diventano testimoni silenziosi ma riflettenti del dramma che hanno assorbito, e al contempo, assurgono a custodi di memorie e di insegnamenti): nelle opere di videoarte di Victoria Lucas e Vanessa Gageos è la terra che, assumendo il ruolo di primo corpo della memoria, diviene protagonista; nelle opere di Natahlie Vanheule la cenere che copre il terreno assurge ad elemento simbolico del conflitto, mentre lo sguardo dell’artista Ting Bao racconta gli alberi come testimoni silenziosi del dramma, lavorando la pellicola delle sue fotografie con terra ed elementi organici che ai piedi degli alberi si trovano. In questa sessione trovano spazio anche opere delicate e potentemente materiche che narrano l’inevitabile ritorno alla terra, come le installazioni di Lang Ea e di Cosima Montavoci.

La seconda parte della mostra si focalizza su opere di artisti che hanno assunto l’oggetto materico come simbolo della dolorosa memoria del conflitto. Sottesa alle loro ricerche, la volontà di rivisitare l’oggetto di guerra, distanziandolo da approcci legati all’idolatria. Gli elmetti, i proiettili, o i vestiti dei soldati sono perciò mostrati nella loro essenza profondamente umana, logora, impermanente, anti-retorica e antieroica: essi divengono ritratti di fragilità e di inquietudine (come nel caso delle opere di Anitra Hamilton); evocano la drammatica esperienza nei ready made di Remus Ilisie e di Mario Lo Prete. Il processo di revisione dell’oggetto bellico avviene al fine di stimolare (con una combinazione idiosincratica e originale dell’oggetto e di altri elementi simbolici, spesso organici) un processo di profonda significazione nell’osservatore, come nel caso dell’opera interattiva di Ana Mrovlje.

La memoria, poi, da materica si assottiglia sempre più e, leggera e incisa nel materiale, si trasforma in impalpabile scrittura proprio nell’ultima parte della mostra, dove vengono presentate ai sensi dello spettatore opere in cui l’assottigliamento del corpo materico lascia il passo all’incisione, quale prima dichiarazione della propria esistenza (a sancire il passaggio, gli artisti Luca Terenzi e Boris Beja). C’è dunque un rimando all’immagine dei soldati che incidevano il proprio nome sulle cortecce degli alberi o sulle pareti, che trasporta poi lo spettatore al decalco su carta (Claudio Beorchia), alla poesia visiva (Nikolas Vamvouklis), per giungere infine alla raffigurazione di Anne O’ Callaghan, dove una memoria bellica scritta con il gesso viene costantemente cancellata dalla lunga lavagna della storia.

La mostra intende quindi attivare un processo di riflessione sulla memoria nel suo rapporto con il tempo che, scorrendo, la muta e la assoggetta ad una lenta smaterializzazione. La sua traccia, però, resta e si imprime negli elementi naturali e del quotidiano. Rarefatta e impalpabile, la memoria è una necessità intrinseca e fondante l’esistenza umana. Nella mostra, la testimonianza della guerra assume linguaggi delle forme di volta in volta differenti: le diverse chiavi di lettura che affiorano dalle opere esposte, si legano a vicende storiche complesse che pongono ancora l’interrogativo sull’esperienza umana del primo e del secondo conflitto mondiale -non ancora del tutto scandagliata-, aprendo a visioni e punti di vista di diversa natura su questo episodio talmente potente nella sua tragicità, da valicare la misura della vita di chi l’ha fronteggiata direttamente, trasmettendosi anche dopo la morte dell’individuo.

 

TING-BAO-2
NATHALIE-VANHEULE1
TING-BAO
En-Flamme-1
NATHALIE-VANHEULE-3
NATHALIE-VANHEULE2
ashes
Manca Bajec Venezia 2

Embodied MemoryEmbodiedMemory @ Villa Manin
Embodied MemoryEmbodied Memory @ Villa Manin
DSC_0176Opening Talk @ Villa Manin
DSC_0179Opening Talk @ Villa Manin
DSC_0180Opening Talk @ Villa Manin
DSC_0182Opening Talk @ Villa Manin
DSC_0183Opening Talk @ Villa Manin
DSC_0184Opening Talk @ Villa Manin
DSC_0185Opening Talk @ Villa Manin
DSC_0187Bao Ting & Ciao Shenguen
DSC_0189People looking at Bao Ting's artworks
DSC_0190People looking at Bao Ting's artworks
DSC_0196People looking at Bao Ting's artworks
DSC_0197People looking at Bao Ting's artworks
DSC_0199Opening Talk @ Villa Manin
DSC_0072Victoria Lucas_Conflict
DSC_0069Victoria Lucas_Conflict
DSC_0073Victoria Lucas_Conflict
DSC_0074Mario Loprete_Concrete
DSC_0075Mario Loprete_Concrete
DSC_0087People looking at Bao Ting's artworks
DSC_0088People looking at Bao Ting's artworks
DSC_0089People looking at Mario Loprete's artworks
DSC_0076Cosima Montavoci_Tomb Sculptures
DSC_0079Cosima Montavoci_Tomb Sculptures
DSC_0080Cosima Montavoci_Tomb Sculptures
DSC_0081Cosima Montavoci_Tomb Sculptures
DSC_0082Cosima Montavoci_Tomb Sculptures
DSC_0084People in the second room_Soil's Memory
DSC_0086People in the second room_Soil's Memory
DSC_0201People in the second room_Soil's Memory
DSC_0203Cosima Montavoci explain her artworks
DSC_0205People in the second room_Soil's Memory
DSC_0206Cosima Montavoci explain her artworks
DSC_0207Cosima Montavoci and Boris Beja explain their artworks
DSC_0208Cosima Montavoci explains her artworks
DSC_0289Borij Beja_Sysiphean Task & Cosima Montavoci_Tomb Sculptires
DSC_0291Boris Beja_Sysiphean Task
DSC_0269Cosima Montavoci_Tomb Sculptures
DSC_0265Boris Beja_Sysiphean Task
DSC_0055Nathalie Vanheule_A is for Ashes and Ashes is Forever
DSC_0057Nathalie Vanheule_A is for Ashes and Ashes is Forever
DSC_0058Nathalie Vanheule_A is for Ashes and Ashes is Forever
DSC_0059Nathalie Vanheule_A is for Ashes and Ashes is Forever
DSC_0061Nathalie Vanheule_A is for Ashes and Ashes is Forever
DSC_0068Nathalie Vanheule_A is for Ashes and Ashes is Forever
DSC_0209Nathalie Vanheule_A is for Ashes and Ashes is Forever
DSC_0211Nathalie Vanheule_A is for Ashes and Ashes is Forever
DSC_0213Nathalie Vanheule interacting with the installation
DSC_0214Nathalie Vanheule interacting with the installation
DSC_0215Nathalie Vanheule interacting with the installation
DSC_0217Nathalie Vanheule_A is for Ashes and Ashes is Forever
DSC_0219Nathalie Vanheule_A is for Ashes and Ashes is Forever
DSC_0288Nathalie Vanheule_A is for Ashes and Ashes is Forever + En Flame
DSC_0169Nathalie Vanheule_A is for Ashes and Ashes is Forever
DSC_0168Nathalie Vanheule_A is for Ashes and Ashes is Forever
DSC_0167Nathalie Vanheule_A is for Ashes and Ashes is Forever
DSC_0166Nathalie Vanheule_A is for Ashes and Ashes is Forever
DSC_0164Nathalie Vanheule_A is for Ashes and Ashes is Forever
DSC_0160Nathalie Vanheule_A is for Ashes and Ashes is Forever
DSC_0158Nathalie Vanheule_A is for Ashes and Ashes is Forever
DSC_0157Nathalie Vanheule_Burning Eyes
DSC_0155Nathalie Vanheule_Burinig Eyes
DSC_0151Nathalie Vanheule_Burning Eyes
DSC_0149Nathalie Vanheule_Burning Eyes
DSC_0097Nathalie Vanheule_Burning Eyes
DSC_0092Nathalie Vanheule_Burning Eyes
DSC_0279Nathalie Vanheule_Burning Eyes
DSC_0278Nathalie Vanheule_Burning Eyes
DSC_0053Lang Ea_Listen
DSC_0054Lang Ea_Listen
DSC_0014Luca Terenzi_Corrispondenze tra i fronti
DSC_0015Luca Terenzi_Corrispondenze tra i fronti
DSC_0017Luca Terenzi_Corrispondenze tra i fronti
DSC_0019Luca Terenzi_Corrispondenze tra i fronti
DSC_0021Luca Terenzi_Corrispondenze tra i fronti
DSC_0022Remus Ilisie_ From Dust Till Dust
DSC_0026Anitra Hamilton_Shellshock; Still Life With Fruit; & Remus Ilisie_Bullets
DSC_0028Anitra Hamilton_Shellshock; Still Life With Fruit; & Remus Ilisie_Bullets
DSC_0102Luca Terenzi_Corrispondenze tra i fronti
DSC_0104Ana Mrovlje_Peacestool
DSC_0105Remus Ilisie_ From Dust Till Dust
DSC_0106Ana Mrovlje_Peacestool
DSC_0223Anitra Hamilton_Shellshock; Still Life With Fruit; & Remus Ilisie_Bullets
DSC_0225Luca terenzi explains his work
DSC_0228In The war object's room
DSC_0229In The war object's room
DSC_0230Ana Mrovlje explains her work
DSC_0231Ana Mrovlje explains her work
DSC_0145Luca Terenzi_Corrispondenze tra i fronti
DSC_0144Luca Terenzi_Corrispondenze tra i fronti
DSC_0143In The war object's room
DSC_0142In The war object's room
DSC_0141In The war object's room
DSC_0140In The war object's room
DSC_0286Memory and movement
DSC_0285Ana Mrovlje's new artwork
DSC_0284Ana Mrovlje's new artwork
DSC_0241Ana Mrovlje's new artwork
DSC_0234Ana Mrovlje's new artwork
DSC_0232Ana Mrovlje's new artwork
DSC_0231Ana Mrovlje explains the artwork created through the residency project
DSC_0110Boris Beja_Clay Dance
DSC_0235Boris Beja_Clay Dance
DSC_0240Boris Beja explains his work
DSC_0246Boris Beja explains his work
DSC_0247Boris Beja_Clay Dance
DSC_0249Boris Beja_Clay Dance
DSC_0009Boris Beja_Clay Dance
DSC_0113Claudio Beorchia_Fogli Caduti
DSC_0262Claudio Beorchia explains Fogli Caduti
DSC_0261Claudio Beorchia explains Fogli Caduti
DSC_0260Claudio Beorchia explains Fogli Caduti
DSC_0006Claudio Beorchia_Fogli Caduti
DSC_0007Claudio Beorchia_Fogli Caduti
DSC_0008Claudio Beorchia_Fogli Caduti
DSC_0138Claudio Beorchia_Fogli Caduti
DSC_0132The room dedicate to Nicolas Vamvouklis and his mixed-media artwork
DSC_0131The room dedicate to Nicolas Vamvouklis and his mixed-media artwork
DSC_0130The room dedicate to Nicolas Vamvouklis and his mixed-media artwork
DSC_0114The room dedicate to Nicolas Vamvouklis and his mixed-media artwork
DSC_0117The room dedicate to Nicolas Vamvouklis and his mixed-media artwork
DSC_0118The room dedicate to Nicolas Vamvouklis and his mixed-media artwork
DSC_0119The room dedicate to Nicolas Vamvouklis and his mixed-media artwork
DSC_0122The room dedicate to Nicolas Vamvouklis and his mixed-media artwork
DSC_0125The room dedicate to Nicolas Vamvouklis and his mixed-media artwork
DSC_0127The room dedicate to Nicolas Vamvouklis and his mixed-media artwork
DSC_0270Boris Beja, Cosima Montavoci and her hausband Luca celebrating the vernissage
Manca Bajec Venezia 2

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi