MONTAVOCI COSIMA

Artisti

Cosima Montavoci, nata a Venezia, è una visual artist che attualmente vive e lavora ad Amsterdam.

Dal 2005 al 2008 ha lavorato con il vetro a Murano. Durante questa esperienza ha creato perle di vetro con  Davide Penso, Muranero, Anfora ana Centro Culturale Spiazzi. Dopo questa esperienza ha frequentato, laureandosi, la Gerrit Rietveld Academy di Amsterdam.

In svariati lavori le tematiche della morte e della mortalità si palesano; questo è un argomendo che l’artista ha esaminato profondamente anche nella ricerca affrontata per la sua tesi di laure, intitolata Death keeps me awake  la quale verge sulla relazione tra mortalità ed immortalità in Tomb sculptures,  e come – nella storia – l’immortalità sia qualcosa di sempre concepito e fatto dall’uomo piuttosto che da un dio. Nelle sue opere fa uso di diversi media come installazioni scultoree, acquaforte, e documentazione di performance ed aprocci a questa tematica della morte e mortalità in modo ironico e con una estetica giocosa, creando una mescolanza di senso dell’assurdo, tragicità, humor, chaos e calma.

Ha preso parte alle mostre Tomb Sculpture  presso la Gerrit Rietveld Academie per l’esposizione della sua laurea ad Amsterdam (2015), Andata e Ritorno 2.0  presso la Ex Herion a Venezia (2015), Vanitas  presso la Oude Kerk di Amsterdam (2014), The Fall of the Knight  presso Vishal ad Haarlem (2013).

Cosima ha partecipato al B#Side War Festival Vol II (edizione 2015-2016) per la colletiva Lands of Memory  presso il Museo della Battaglia di Vittorio Veneto, presentando la sua opera Vanitas.

ARTIST STATEMENT

Cosima crede fermamente che lo humor ed il non-sense giochino un ruolo fondamentale nell’accettazione, prendendo in giro tematiche serie e prendendo molto seriamente le piccole cose. Senso ed assurdità, tragicità e humour, chaos e calma, autenticità e finzione trovano nel suo lavoro una comune dimensione dove coesistere.

Cosima non ha paura di parlare di temi spiacevoli come la morte e la mortalità, qualcuno deve farlo. Alcuni degli artisti che ispirano il suo lavoro sono Joseph Beuys, Piero Manzoni, Medardo Rosso, Mike Kelley e Andrea Pazienza.

Cosima preferisce di parlare con le sue mani ed ha bisogno di sporcarsele nella materia per sentirsi bene. Ultimamenti i suoi strumenti sono installazioni cultoree, acquaforte, e documentazione di performances.

Cosima vuole che il suo pubblico senta il suo lavoro fisicamente ed il suo lavoro che diventi un buco con cui invadere lo spazio. Lei crede che non esistano le persone di mezza età. Il feedback reale viene solamente dalla reazione genuina dei più anziani e dei bambini.

Vanitas, installazione site specific for the exhibition Lands of Memory, 2016Vanitas, installazione site specific for the exhibition Lands of Memory, 2016
Death keeps me awake and Skull with a Snorkel, thesis presented at the Graduation Show, 2015Death keeps me awake and Skull with a Snorkel, thesis presented at the Graduation Show, 2015
Tomb Sculpture, series of 4 sculpturesTomb Sculpture, series of 4 sculptures
The fall of the Knight, video installation, view of the exhibition in the Vishal in Haarlem, 2012The fall of the Knight, video installation, view of the exhibition in Haarlem, 2012
The Elders, series of 10 linoleum etchingsThe Elders, series of 10 linoleum etchings
Workshops documentation (32)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi