AFTER HIROSHIMA / Mostra

26.06.2017 | Notizie

La mostra è visitabile gratuitamente fino al 31 ottobre, dal lunedì al sabato, dalle 10.00 ale 18.00 (presso la B#Side Gallery: Vicolo Isola di Mezzo 3/5, 31100, Treviso) – visite guidate disponibili in loco

After Hiroshima è una mostra che riunisce artisti internazionali in una riflessione congiunta e sfaccettata sulle immagini-archetipo legate allo scoppio delle bombe atomiche di Hiroshima e Nagasaki – rispettivamente il 6 e il 9 Agosto del ’45 -, e una loro rielaborazione nell’arte e nella cinematografia contemporanee.

La mostra si focalizza su opere di artisti che attraverso l’utilizzo di diversi media (cianotipi, dipinti, collage, manipolazioni fotografiche e video installazioni) rielaborano tali immagini dandone lettura significative: un’indagine poli-focale che si concentra sui retaggi di quei tragici eventi.

Tre sono le immagini in questione: l’accecante lampo di luce radioattiva; l’iconica immagine della nube atomica o mushroom cloud; le ombre di corpi e oggetti proiettate su strade ed edifici. Immagini divenute veri e propri archetipi della paura nell’immaginario giapponese e internazionale, tanto da stimolare una rielaborazione personale da parte di artisti e registi con l’intento di esorcizzarne la natura mortale e distruttiva.

Elin o’Hara Slavick nei suoi cianotipi re-illumina gli oggetti di uso quotidiano colpiti dalle radiazioni della bomba, mentre Andrew Cole cattura il flash di luce e dipinge la nera pioggia di morte che si riversò sulla città: in questo punto si inseriscono le due opere cinematografiche Pioggia Nera e Children of Hiroshima che affrontano in modo evocativo, seppur realistico, la rappresentazione del giorno dell’esplosione.

Se Deimion Va Der Sloot raffigura la luce atomica da un punto di vista scientifico e minimale, Uroš Weinberger, attraverso un utilizzo straniante dei colori, intende denunciare le strategie dei media che distorcono informazioni ed immagini legate a eventi d’attualità.

Il fungo atomico fu la seconda immagine che apparve agli occhi dei sopravvissuti. Daniel Wechsler reinterpreta le componenti cromatica e sonora di un video militare che ritrae lo sgancio della bomba sulla città di Hiroshima; in una manipolazione fotografica, Gordon Belray presenta invece i fotogrammi provenienti dal filmato militare dello sgancio dell’ordigno nucleare su Nagasaki, ricreando la dimensione storica dell’accaduto.

Tramite una serie di opere video Kailum Graves si concentra sull’immagine stessa dell’esplosione e della nube, degenerata in un’estetica atomica del familiare (a denuncia del banale, e di quella componente dell’immaginario atomico che è divenuta kitsch).

Ancor oggi perdura la memoria materica di ciò che accadde attraverso le nuclear shadows impresse sulla città, a testimoniare la distruzione e il dolore che seguirono. I cianotipi di Elin o’Hara Slavick creano un ponte invisibile tra le generazioni di hibakusha. Luca Federici, invece, rielabora in tono provocatorio e di primitiva forza l’immagine delle ombre, rappresentando una tematica che sente ancora oggi il bisogno di essere scandagliata nelle sue componenti terrifiche.

Qui si inseriscono i contributi cinematografici appartenenti alla new wave dell’horror giapponese – Kurosawa Kiyoshi è uno dei maggiori esponenti del genere – legata a un rinnovato interesse per l’iconografia delle ombre che incarna il richiamo al trauma di Hiroshima. Infine, Mary Kavanagh combina differenti materiali video-fotografici stimolando una riflessione sulla frattura storica dovuta all’armamento e alla conseguente cultura nucleare.

Mostra co-prodotta con CURRENT (www.currentcorporate.com)

 

 

 

901241_orig
chinas-first-test
Daniel Wechsler (fungo)
Greenhouse-Easy
HE101
HE113-C
HG273
kairo
Kuroi Ame
Luca Federici, Atomic Still Life With Shadows_files
Tightrope
Tsar-Bomba
DSC03663
Treviso per sito stay tuned
Treviso evento-98
Treviso evento-97
Treviso evento-96
Treviso evento-95
Treviso evento-89
Treviso evento-88
Treviso evento-87
Treviso evento-86
Treviso evento-85
Treviso evento-84
Treviso evento-83
Treviso evento-82
Treviso evento-81
Treviso evento-80
Treviso evento-78
Treviso evento-76
Treviso evento-75
Treviso evento-74
Treviso evento-73
Treviso evento-72
Treviso evento-71
Treviso evento-70
Treviso evento-69
Treviso evento-68
Treviso evento-67
Treviso evento-66
Treviso evento-65
Treviso evento-64
Treviso evento-63
Treviso evento-62
Treviso evento-61
Treviso evento-60
Treviso evento-59
Treviso evento-58
Treviso evento-57
Treviso evento-56
Treviso evento-55
Treviso evento-54
Treviso evento-52
Treviso evento-51
Treviso evento-50
Treviso evento-49
Treviso evento-47
Treviso evento-46
Treviso evento-44
Treviso evento-43
Treviso evento-42
Treviso evento-41
Treviso evento-40
Treviso evento-39
Treviso evento-38
Treviso evento-37
Treviso evento-36
Treviso evento-35
Treviso evento-34
Treviso evento-33
Treviso evento-32
Treviso evento-31
Treviso evento-30
Treviso evento-29
Treviso evento-28
Treviso evento-27
Treviso evento-26
Treviso evento-25
Treviso evento-24
Treviso evento-23
Treviso evento-22
Treviso evento-21
Treviso evento-20
Treviso evento-19
Treviso evento-18
Treviso evento-17
Treviso evento-16
Treviso evento-15
Treviso evento-14
Treviso evento-13
Treviso evento-12
Treviso evento-11
Treviso evento-10
Treviso evento-9
Treviso evento-8
Treviso evento-7
Treviso evento-6
Treviso evento-5
Treviso evento-4
Treviso evento-3
Treviso evento-2
Treviso evento-1
IMG-20170808-WA0018
IMG-20170808-WA0017
IMG-20170808-WA0016
IMG-20170808-WA0015
DSC03663
22886126_1172399489560747_4028749373492444081_nThe talk with the artist Uros Weinberger, for the finissage
22894508_1172399602894069_2225520317674971108_nThe talk with the artist Uros Weinberger, for the finissage
23032764_1172399432894086_1247962723430093166_nThe talk with the artist Uros Weinberger, for the finissage
22894185_1172399686227394_7638666162826622645_nThe talk with the artist Uros Weinberger, for the finissage
22894415_1172399956227367_7352975871800378525_nThe talk with the artist Uros Weinberger, for the finissage
DSC03663

Exhibition realized in co-production with Current, thanks to the contribution of Maypole Foundation, with the patronage of the Unesco and of the Hiroshima Peace Memorial Museum. 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi